Festivaldisanremo.com - Il sito Indipendente sul Festival di Sanremo dal 1998 - VII edizione - Sanremo 2005
Il Regolamento
della 55ª edizione

Le 5 Categorie
del Festival 2005

  • Martedì 1
    Marzo 2005
  • Prima serata:
    i dati d'ascolto
  • La diretta
  • Mercoledì 2
    Marzo 2005
  • Seconda serata:
    i dati d'ascolto
  • La diretta
  • Giovedì 3
    Marzo 2005
  • Terza serata:
    i dati d'ascolto
  • La diretta
  • Venerdì 4
    Marzo 2005
  • Quarta serata:
    i dati d'ascolto
  • La diretta
  • Sabato 5
    Marzo 2005
  • Serata Finale:
    i dati d'ascolto
  • La diretta
  • Albo d'oro e Classifiche

    Le 32 canzoni del 2005

    S COME SIGLA

    La sigla di Sanremo è un medley. Ma solo una canzone su tre è uscita dal Festival. In più, arriva l'Inno nazionale. Ma non è la prima volta che si parla di Italia.

    Da Vola Colomba alla Terra dei Kaki

    Ha detto Iva Zanicchi che sarebbe stato meglio usare come sigla una canzone nota come Zingara, diciamo noi che sarebbe stato sufficiente pescare tre o quattro delle oltre millecinquecento canzoni e usare i filmati originali. Nostro consiglio, volendo rendere omaggio a artisti scomparsi: Ciao Amore Ciao di Luigi Tenco, Gianna di Rino Gaetano, Non pensare a me di Claudio Villa e Nel blu dipinto di Blu di repertorio. De Andrè per Sanremo ha scritto una riga per i Tazenda, per la sigla è altro. Pierangelo Bertoli nel 1992 coniugò inno nazionale e sdegno civile, ma non aspettatevelo.

    L'Inno di Mameli è una moda relativalemte recente della televisione di stato. Prevedibile che, pur modernizzato il più possibile, e depositato nelle mani di tal Paolo Carta, un passaggio nel 1997 sulle assi dell'Ariston, ce lo trovassimo al Festival, dopo i continui collegamenti dalle basi aeronavali del nostro esercito di pace cui abbiamo assistito gli anni scorsi (E il nostro pensiero va a quei fanti che hanno dovuto stare svegli fino alle 4 di mattina in Afghanistan per beccarsi un collegamento con Sanremo non più tardi di un anno fa).

    Già, l'Italia: la patria o il paese, lievissime sfumature per definire il diverso senso di appartenenza allo stessa cosa. E' sacrosanto che già alla seconda edizione del Festival Nilla Pizzi giochi la carta patria, caricando in quel Vola Colomba l'apprensione per la città di Trieste, allora sotto occupazione alleata e temporaneamente separata dal resto d'Italia. Ci si meraviglia che nessuno coi tempi che corrono ce la abbia proposta con la chitarra rock, peraltro.

    1952: Vola colomba Ricordo di un mondo passato dove Noi lasciavamo il cantiere Lieti del nostro lavoro E il campanon din don Ci faceva il coro. Ben prima di Portobello, colpì il cuore della nazione. E un clarinetto riecheggia il fratelli d'Italia tra le righe della canzone.

    Niente Italia fino al 1980 L'italianità resta comunque sempre un dato di fatto, un punto di partenza, un dato quasi scontato che nessun autore Sanremese sente il bisogno di dovere ribadire. Nel 1980 Stefano Rosso racconta di un Italiano disimpegnato e qualunquista "dentro", citando ma con ben altro accento pur'egli il Fratelli d'Italia, e tracciando una carrettata di ritratti "di calcio tecnici d'amor maestri" degni de Nuovi Mostri. Alla fine , la bomba ad orologeria ancora lì, inesplosa e indisinnescata dal 1980: "Confesso è vero ma non è finita, Prossima vittima è l'Europa Unita".

    Nel 1982 nessuno canta l'inno ma vinciamo i mondiali, con una squadra guidata da una bravissima persona che si chiama Enzo Bearzot e che se qualcuno ha illustrato come dice la costituzione la patria è lui e perchè non lo fanno senatore a vita boh. Dal momento in cui l'Italia vince i Mondiali, comunque, non siamo definitivamente più quelli che hanno perso la guerra. Vale la pena celebrarci per quello che siamo.

    1983: Toto Cutugno raccoglie tutti i luoghi comuni, nuovi e vecchi, raccontandoci di uno strapaese con un Partigiano come Presidente e Troppa America sui manifesti, con più donne e sempre meno suore, con la bandiera in tintoria. Vincitore morale e trionfatore del concorso Totip, solo quinto nella poule finale del Festival 1983.

    1988: Mino Reitano con la regia di Umberto Balsamo confeziona un capolavoro di sintesi al limite del futurismo in cui confessa che
    Poi mi prende l'emozione
    Per Firenze che sta là
    Per Venezia che si muove
    E l'eterna Roma è qua
    Mino Reitano dichiarò che sognava un'Italia che, ai mondiali di due anni dopo, cantava in coro la sua canzone nelle curve. Non successe.
    Quest'Italia che profuma
    Di oleandri e di perché
    Anche quando si è un po' stanchi
    Non ci si arrende per un se

    1991: Dario Gai Fa una canzone che si chiama Sorelle d'Italia, ma parla allegramente di prostitute e camionisti.

    1992: Pierangelo Bertoli Italia d'Oro arriva quarta. C'è un coro che canta proprio il refrain dell'inno. LA canzone è inutilmente profetica su tutti i fronti: Tutto si perde in un suono di missili mentre altri spari risuonano già sopra alle strade viaggiate dai deboli la nostra guerra non si spegnerà E poi ancora "Italia nera sotto la bandiera vecchia vivandiera te ne sbatti di noi: mangiati quel che vuoi fin quando lo potrai tanto non paghi mai" E altre amenità del genere. E poi Fratelli d'Italia l'Italia s'è desta. E non governavano mica i Soviet, c'era Andreotti al Governo e Bruno Vespa direttore del TG1.

    Continua: 1994 e 1996; dalla Squadra Italia alla Terra dei Kaki

    QUESTO NON E'IL SITO UFFICIALE DEL FESTIVAL! I SITI UFFICIALI DEI TITOLARI E ORGANIZZATORI DEL FESTIVAL SONO:
    » Il Comune di San Remo
    » Accademia di San Remo
    » RAI - Radio Televisione Italiana
    » 55° Festival - sito ufficiale

    » Retrospettiva 1976
    » FAQ - Domande e risposte
    » L'errore blu di "Sorrisi"
    » Archivio News 2005
    Le 5 Categorie: Classic | Donne | Uomini | Gruppi | Giovani
    Le classifiche pubblicate sul sito sono definitive, dopo la V serata.

    SABATO 5 MARZO

    VENERDI'4 MARZO

    GIOVEDI'3 MARZO

    MERCOLEDI'2 MARZO

    MARTEDI'1 MARZO

    VERSO SANREMO 2005

    • PERCHE' SANREMO E' SANREMO
    La vera sigla del festival. E il suo significato. ...leggi
    • NON PUNTATE SU DI NOI
    Niente scommesse sul Festival di Sanremo, chiedono i cantanti. ...leggi
    • INTERVISTA COL PIRATA
    Questo criminale che scarica files. ...leggi
    • NESSUN RISCHIO PER PAOLA E CHIARA
    Forse 30 secondi in rete. Ma troppo tardi ...leggi
    • C. COME CAROSELLO
    Il ritorno dell'uomo in ammollo e altri sintomi di metatelevisione. ...leggi gli eventuali abbinamenti del venerdì.
    • VINCITORE ANNUNCIATO?
    Chi è arrivato a Sanremo Papa e ne è uscito cardinale ...leggi
    • S. COME SIGLA
    E, in subordine, I come Italia ...leggi
    • LE CATEGORIE
    Le 5 categorie di Sanremo 2005 ...leggi
    • IL REGOLAMENTO
    Il regolamento di Sanremo 2005. ...leggi
    • PRONOSTICI: I FAVORITI DI GENNAIO
    Era gara a due fin dall'inizio. ...leggi
    • SIGNORI, BIGLIETTI
    5 Gennaio 2005 - Costa 1.200 euro l'abbonamento al Festival. Eeh!?! E niente prevendita online, al massimo via fax. Come gli uffici governativi in India. Dal 10 Gennaio. ...leggi su rai.it

    CURIOSITA' E RETROSPETTIVE

    • DIVORZISTA O ANTIDIVORZISTA
    1974: Iva Zanicchi e la crisi della famiglia. ...leggi
    • 1975: IL TRENTENNALE
    Del 1975, l'anno zero, il Sanremo rimosso. ...leggi
    • SANREMO 1976: UNA RETROSPETTIVA
    Uno sguardo antologico ai capolavori perduti del Festival 1976, l'edizione più erotica, più dimenticata, più nascosta, più hard della storia del Festival di Sanremo! ...leggi
    • IL MISTERO DELLE CLASSIFICHE
    Persi nella storia i risultati completi di almeno sei festival. ...continua
    • I DIRITTI NEGATI DELLE DONNE SALENTINE
    Dolcenera e Cinzia Corrado: vincitrici tra i giovani e mai invitate tra i big. ...continua

    ORMAI E' UN CLASSICO!

    Il salvaschermo di Sanremo 1968
    Tutto il materiale di questo sito è di proprietà dei rispettivi autori. Il materiale iconografico è presente al solo scopo documentale previa citazione della fonte. Festivaldisanremo.com è dal 29.10.1998 un sito INDIPENDENTE, non ufficiale, non a scopo di lucro e non associato alla manifestazione nè alla RAI in alcun modo. Festivaldisanremo.com trasmette da un server che si trova a Columbus, Ohio, USA, ed sono soggetti alle leggi dello Stato dell'Ohio, USA, in quanto compatibili con le giurisdizioni nazionali. Ove non diversamente specificato, © 1998-2005 Eddy Anselmi Festivaldisanremo.com WondersNeverCease
    [cc] Creative Commons License - Some Rights Reserved
    This work is licensed under a Creative Commons License.
    INFORMATIVA nel rispetto della (a nostro parere insulsissima) Legge Italiana (c.d. Legge Urbani), venisse in mente a qualcuno di invocarla - Nel rispetto dell'art. 1, D.L. 72/2004, si avvisa che, in relazione all'utilizzazione del presente contributo, sono stati assolti tutti gli obblighi derivanti dalla l. n. 633/1941, la sua pubblicazione a titolo gratuito essendo autorizzata direttamente dall'autore. In ogni caso si avverte che la riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico dell'opera (si definisce come "opera" l'insieme degli articoli e delle raccolte dati presenti nel sito), in difetto di autorizzazione dell'autore, costituisce violazione della legge, perseguita, a seconda dei casi, con la reclusione fino a quattro anni e con la multa fino a 15'493,70 euro. Il presente avviso è apposto ai sensi e per gli effetti delle disposizioni contenute nell’art. 1, comma 1, della Legge 21 maggio 2004, n. 128, Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, recante interventi per contrastare la diffusione telematica abusiva di opere dell’ingegno, nonchè a sostegno delle attività cinematografiche e dello spettacolo, fino all’adozione del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto con il Ministro delle comunicazioni, ivi previsto. Ciò nonostante, l'autore espressamente autorizza la riproduzione, la diffusione e l'uso anche non personale dei contributi originali, con ogni mezzo e su qualsivoglia supporto. La presente informativa, visualizzata in caratteri di corpo non inferiore a quello del testo dell'opera (il colore se lo sono scordati), in calce alla stessa, è parte integrante ed inscindibile dell'opera e la sua rimozione o la riduzione del carattere saranno ad ogni effetto considerati come violazione dei diritti dell'autore e come tali perseguibili a norma di legge. Resta libera, a norma dell'art. 70 l. n. 633/1941, la citazione delle opere a scopo scientifico e la sua riproduzione, anche parziale, ad uso didattico, e potrei continuare dicendo anche delle parolacce, tanto questo elenco del c***zo non lo leggerà un c***zo di nessuno, cacca, piscio, pus e formaggella. I Masai! Là fuori ci sono i Masai incazzati e qui dentro tutti urlano. Ah, sito a carattere non periodico. Tiè.