HOME PAGE Il regolamento MAR 5 MAR MER 6 MAR GIO 7 MAR VEN 8 MAR SAB 9 MAR Scrivici







   

SANREMO: VINCONO GLI ADDAMS
Un parente del sindaco di Sanremo vince il festival di Sanremo

L'Orchestra Spettacolo Matia Jalisse approfitta del cambio di regolamento, conferma il feeling con le giurie demoscopiche, e vince il festival con una canzone fuori dal tempo, ma incassano la contestazione dell'Ariston che preferisce Alexia, seconda. Lo sapevate che il batterista dei Matia Bazar Giancarlo Golzi è imparentato con il sindaco di Sanremo e direttore artistico dell'Accademia di Sanremo? Quanto giovamento trarrà l'industria discografica da questa vittoria?

Un anno fa, di questi tempi, eravamo andati a dormire salutando la vittoria di Elisa, che si aggiudicava premio della critica e vittoria del Festival. La formula aveva resistito alla restaurazione tentata rispetto all'anno prima, quando un'interpretazione estensiva del regolamento regalò la vittoria alla Piccola Orchestra Avion Travel.

Il Festival 2002 è stata una serie di batoste continue. Prima abbiamo appreso del ritorno di Pippo Baudo. Poi abbiamo strabuzzato gli occhi a vedere la lista dei Big con dentro vecchie glorie come Fiordaliso, Reitano e la Bertè. Quindi, abbiamo sentito le canzoni, fiduciosi che in fondo nel 1997 avevano vinto i Jalisse ma c'erano cose carine in fondo. E invece no, livello bassissimo. Dopo l'imbattibile 1998 (Quello della Minetti) forse il Sanremo più scarso da 10 anni almeno.

Abbiamo visto i Matia Bazar scattare in testa alla prima curva: non scherziamo...li sappiamo forti presso il tipo di campione che è stato scelto come giuria del Festival, e c'è già stato un caso Jalisse.
Ma non può, non può andare così.

Assistiamo alle eliminazioni scontate della Sintesi e dei Giuliodorme. Come nel 1996, scopriamo che i sei giovani sono stati sacrificati al refrain dei big (il minutino di Elio), ma almeno nel 1996 c'era una wild card per entrare nei Big l'anno dopo (e ne approfittarono i Jalisse, ahimè). Ci sorprendiamo con Valentina Giovagnini, ma il regolamento è cambiato, e la Giuria Popolare consegna il trofeo alla 15enne Anna Tatangelo, quattro anni dopo la Minetti.

Ci tocca di fare il tifo per Alexia (che in realtà è Maria Antonietta Tilloca del Grande Fratello) e per il suo pot-pourri di disco music, funky, R&B, Loretta Goggi e Mita Medici. O per Gino Paoli, che nell'Albo d'Oro del festival entri sarebbe una sorta di premio alla carriera, come l'Oscar a Henry Fonda per Sul Lago Dorato, o a Paul Newman per Il colore dei Soldi.

E invece i Matia Bazar tengono la testa delle classifica per tutta la gara e vincono. Proprio loro, con il loro stile da balera e il loro repertirio di concerti per il pubblico non pagante. Serissimi professionisti, nessuno mette in dubbio la loro serietà. Ma le canzoni che portano sono da Videoliscio, da Duck Records, da edizione economica riarrangiata. Canzoni sempiterne, buone per il pubblico di Paolo Limiti, che sussulta "che bravi" e li vota, poi si ricorda di loro al Festival o al prossimo passaggio TV. Nella vita di tutti i giorni, nei dischi che passa la radio, che compriamo, che troviamo a casa degli amici, che balliamo alle feste, i Matia Bazar non ci sono.

Approfittano del cambio del regolamento, che favorisce giustappunto il direttore dell'Accademia di Sanremo nonchè parente del Sindaco di Sanremo e il suo Gruppo. Si, scriverlo è una malignità, ma l'operazione offre più di un fianco ai soliti sospetti. Dissipiamo le polemiche. Le voci ci sono sempre state, e nessuna edizione del festival (nessuna) ha mai offerto verdetti trasparenti (tranne quella del 2000, dove almeno ci fu una chiara ammissione di responsabilità da parte di Mike Bongiorno e dei suoi giurati). Magari c' è stata una buona parola per metterli in gara, un'altra buona parola per un'inquadratura suggestiva (in modo meno evidente dell'anno scorso, ma la regia TV faceva il tifo per loro). Ma vale solo per loro che hanno vinto?

Ma un conto è che un dubbio indimostrabile ma plausibile accompagni la vittoria degli Elisa l'anno scorso o di Alice vent'anni fa, un conto è che si affermi un pezzo tanto fuori dal tempo da risultare surreale, come i Jalisse nel '97, come i Matia Bazar oggi. Perchè? Il vincitore di Sanremo non conta nulla in termini di vendite, i discografici lo dovrebbero sapere. E allora perchè affidiamo a un campione prevedibile l'assegnazione di questo premio? Nel 1958 con le giurie demoscopiche avrebbe vinto Nilla Pizzi con l'Edera, e magari Volare si sarebbe aggiudicata il premio della critica.

Allora torna logico pensare che si sia preferito un metodo di votazione a un altro e un certo campione di giuria a un altro con il risultato sotto gli occhi di tutti di favorire la più trita tradizione, il Paololimitismo e il Pausinismo da Accademia, quell'Accademia di Sanremo caldeggiata dal Comune, che ha ottenuto una vera e propria corsia preferenziale per ammettere 4 giovani al Festival (Una volta c'era il Festival di Castrocaro, archeologia). Perchè piace a Pippo Baudo, probabilmente. Il direttore artistico è rimasto agli anni '70, e invece siamo nel 2002.

Questo decimo festival ìdi Baudo segna il doppio trionfo dell'Accademia di Sanremo. Esce dall'Accademia Anna Tatangelo, escono dall'Accademia gli Archinuè, premio della critica nella sezione Giovani, è il direttore Artistico dell'Accademia Giancarlo Golzi, il batterista dei Matia Bazar, l'unico sempre presente nella storia del Gruppo. Secondo noi, il festival di Sanremo ne esce a pezzi.




sera per sera
Prima serata
Seconda serata
Terza serata
Finale Giovani
Finale Campioni

Il festival ufficiale sul web
Il sito ufficiale del festival
La RAI
Il Comune di Sanremo


Fuori Target Online!!
Festival di Fuori Target
Sulle frequenze di Radio Città 103 Bologna
Radio Fujiko Bologna
info@fuoritarget.com
Tutto il materiale di questo sito Ŕ di proprietÓ dei rispettivi autori.
Festivaldisanremo.com Ŕ un sito INDIPENDENTE, non ufficiale, non a scopo di lucro e non associato alla manifestazione nŔ alla RAI in alcun modo. Festivaldisanremo.com trasmette da un server che si trova a San Josè, California, USA, ed Ŕ soggetto alle leggi dello Stato di California, USA.

© 2002 Festivaldisanremo.com
WondersNeverCease

HOME PAGE Il regolamento MAR 5 MAR MER 6 MAR GIO 7 MAR VEN 8 MAR SAB 9 MAR Scrivici